Casa GC e Uffici Terabyte a Polistena (RC)

2008
Progetto: Fabio Carrabetta & Barbara Di Palma
Foto: Michele Galluccio, Gianni Cullari

Disegni

L’ intervento riguarda il completamento della porzione centrale di un complesso edilizio a schiera a tre livelli fuori terra nel comune di Polistena (RC). Il progetto architettonico precedente, di pessima qualità, era stato realizzato solamente nella struttura portante, pertanto è stato possibile il ridisegno totale di  piante e prospetti, ritenuto assolutamente necessario.

La richiesta del committente era stata la realizzazione della sede della sua attività lavorativa e della nuova abitazione per la famiglia, composta dai genitori e dalle loro tre bambine.

Il progetto prevede quindi lo show room-ufficio-laboratorio al piano terra e l’abitazione ai livelli primo e secondo. Il piano terra è stato ultimato, mentre i piani superiori sono in corso di completamento.

La facciata principale dell’edificio, esposta a sud,  si trova su una trafficata arteria del paese; pertanto, per rispondere a tale orientamento e preservare la privacy della famiglia, le facciate sono state totalmente schermate tramite un sistema frangisole a pale orizzontali in alluminio, orientabili elettricamente, che  caratterizza fortemente l’edificio.

Nello specifico, il piano terra, che presenta in facciata un porticato e una vetrata continua, che integra i differenti ingressi  all’abitazione e agli uffici, è caratterizzato da un laboratorio di assistenza tecnica hardware e software, due uffici privati e una piccola aula per lo svolgimento di corsi e seminari, più i servizi. Tutto è molto funzionale, rigoroso ed estremamente tecnologico, essendo il proprietario un appassionato del settore. La sua curiosità e la sua viva intelligenza lo hanno portato a seguire con passione tutto lo svolgimento dei lavori, partecipando attivamente a tutte le fasi, in particolar modo nella realizzazione degli impianti e della domotica, che ha seguito autonomamente. Gli interni sono stati studiati nel dettaglio, con arredi su disegno e un’illuminazione ad hoc, che rende gli ambienti particolarmente affascinanti.

Al primo piano il progetto prevede la netta separazione tra zona giorno e zona notte, ambienti ampi, fluidi, confortevoli ed eleganti, la totale integrazione della struttura architettonica con gli arredi, per lo più su disegno, il massimo sfruttamento degli spazi tramite mobili contenitivi e armadiature. L’ingresso, caratterizzato da una lunga pannellatura contenitiva che integra anche le porte di accesso alla zona notte e ad un bagno, è illuminato da un ampio lucernario su uno spazio a doppia altezza che individua l’area relax davanti al camino. 

La zona giorno si articola in un grande soggiorno, con divano pluridirezionale verso la tv, l’ingresso, il pranzo e la lunga vetrata continua, che si apre su un  balcone, nella zona pranzo, nella cucina ad isola, aperta ma schermata, alle cui spalle un’armadiatura contiene i due ingressi agli ambienti di servizio della lavanderia e della dispensa. 

La zona notte presenta la camera da letto dei genitori, con bagno privato e guardaroba, altre due camere per le figlie, un secondo bagno e un altro guardaroba per tutta la famiglia. Tutte le camere sono aperte su una lunga loggia, che affaccia verso il mare. L’areazione e la luce al bagno privato vengono garantite invece da una chiostrina vegetata che contribuisce a rendere l’ambiente particolarmente interessante. 

Il secondo piano  è caratterizzato da un ampio soggiorno, da una cucina, una area fitness, una stanza per gli ospiti, un bagno e un ripostiglio. Questo grande spazio affaccia su due terrazze giardino; quella rivolta verso il mare, zona pranzo e un piano attrezzato con lavello e barbecue.

Il risparmio energetico viene garantito da un isolamento “a cappotto” in EPS con grafite dello spessore di cm 6 sulle pareti in mattoni di laterizio alveolare di cm 30; dalla copertura a tetto rovescio con spessori dell’isolante di cm 8; dal sistema di ventilazione meccanica controllata per riscaldamento e raffrescamento con recupero del calore in uscita; dall’uso di serramenti in alluminio a taglio termico e vetrature basso-emissive con vetrocamera 6-7/15/8-9 mm; da sistemi schermanti delle vetrature disposte a sud per regolare l’irraggiamento solare. 

Tutta l’impiantistica ricorre a fonti energetiche rinnovabili con un impianto fotovoltaico da 8 kw in copertura.

I materiali usati all’interno sono naturali, pietra e legno per i pavimenti, marmo di carrara per i bagni, legno con impiallacciatura in ebano per le pennellature e le porte su disegno.

All’esterno pavimentazioni in gres e legno di teak per le terrazze.

L’illuminazione artificiale sia interna che esterna, tutta a led, pensata con il proprietario, è di grande effetto e, come tutta l’impiantistica, è controllata dal sistema domotico.